Sopravvissuto

Proprietà

ISBN: 9788854169807
Produttore:
Newton & Compton
EAN: 9788854169807
Dimensioni:
155 x 230 x 32 mm
Peso: 0.610kg
Rilegatura:
Copertina Rigida
Numero di pagine: 374
Nostro prezzo 13.50 SFr
Condividi con i tuoi amici

Sopravvissuto

Louis Zamperini , David Rensin

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.

Descrizione

Louis Zamperini è stato un atleta olimpico e un eroe della seconda guerra mondiale, sopravvissuto a un incidente aereo avvenuto il 27 maggio 1943, nell'ambito delle operazioni belliche sullo scacchiere del pacifico. Il suo B-24, infatti, cadde in picchiata nell'oceano, e Louis e altri due superstiti rimasero per ben 47 giorni su una zattera, in balia delle privazioni e degli squali, in trepidante attesa di essere salvati.

Ma a riportarli sulla terraferma non furono i loro commilitoni, bensì i soldati giapponesi. Comincerà così un vero e proprio calvario per Zamperini, che passerà i successivi due anni come prigioniero di guerra: verrà torturato e umiliato, picchiato, ridotto alla fame, costretto a lavorare come uno schiavo e perfino sottoposto a esperimenti scientifici. Anni interminabili, durante i quali l'aviazione americana lo dichiarerà prima disperso e poi ufficialmente morto. Eppure Zamperini non si darà mai per vinto.

Degli stessi autori

David Rensin
Louis Zamperini
LOUlS ZAMPERINI nacque a Olean, a nord di New York, nel 1917 da immigrati italiani. Il padre era originario della provincia di Verona ed era arrivato da ragazzino in America. Il giovane Louis parlava solo italiano e fu preso di mira dai compagni di scuola. Il padre allora gli impartì qualche lezione di boxe e il fratello Pete, per allontanarlo dalle cattive compagnie, lo portò in pista a correre. In pochi anni divenne un fenomeno nei 5000 metri fino a partecipare alle Olimpiadi di Berlino del 1936 dove venne notato da Hilter che si volle congratulare con lui. Nel 1941, arruolato in aviazione, partecipò a diverse operazioni belliche, fino a quando non restò coinvolto in un incidente aereo. Naufragato e rimasto in mezzo al mare per 47 giorni, fu catturato dai giapponesi. Dopo due anni di prigionia riuscì a torrare negli Stati Uniti e a rifarsi una vita. E deceduto il 2 luglio 2014 all'età di novantasette anni.